CANTO XI DEL PARADISO

DANTE ALIGHIERI

Note esplicative di CARLO PAOLAZZI (nn.2103-2112)

LA RICOSTRUZIONE della vicenda biografica di Francesco che Dante affida alla “infiammata cortesia / di fra Tommaso”d'Aquino (Par. Xll, 143-144) non ha importanza documentaria: nella sostanza e spesso anche nella forma dipende dal Celano e da san Bonaventura arricchiti di prestiti dell'Arbor vitae di Ubertino da Casale e dell'anonimo Sacrum commercium. Nuova invece e tutta dantesca è la sicurezza con cui affidando a uno tra i più eletti spiriti sapienti del cielo del Sole l'elogio di quel Francesco che si proclamava “ semplice e senza cultura “ (Testamento), viene risolta in superiore unità la malintesa risorgente polemica Assisi-Parigi, semplicità-cultura, in nome di quella sapienza evangelica che affratella Francesco e Agostino, Egidio e Bonaventura. Ugualmente dantesca, se non proprio altrettanto nuova, è la capacità di sposare senza stridori un'interpretazione provvidenziale della figura e della missione di Francesco, nuovo Sole che illumina il mondo, con l'allegoria di un amore cortese, dove madonna Povertà diventa per Francesco quel simbolo elevante che Dante aveva configurato per sé nella donna-mito Beatrice.

Intendiamoci: alla “ dolorosa povertade “ (Convivio), che gli ha fatto conoscere “ sì come sa di sale / lo pane altrui “ (Par. XVII, 58-59), Dante non fa dichiarazioni d'amore, né la chiama sua “ signora “, come l'evangelico “ poverello di Dio “ Francesco. Anche per Dante, tuttavia, l'origine del “ mal che tutto 'l mondo occupa “ sta nell'avarizia, la lupa insaziabile: convergenza non casuale fra il poeta esule che incessantemente tuona contro la cupidigia che ha sconvolto l'ordinamento della “civitas christiana “, e il Santo “ pellegrino e forestiero in questo mondo “, esempio mirabile di povertà intesa come piena liberazione dello spirito. Non solo per riempire di beati le sfere celesti, insiste l'autore della Commedia, ma anche per ricostruire il mondo nella giustizia e nella pace è necessario fare i conti con l'antica, irrinunciabile beatitudine evangelica: “ Beati i poveri in ispirito, perché di essi è il Regno dei cieli “. Il testo segue l'ediz. procurata da G Petrocchi ( La Commedia secondo l'antica vulgata, Milano 1966/1967; per gentile concessione della Soc. Dantesca Italiana).

CANTO Xl DEL PARADISO

2103 O insensata cura de' mortali quanto son difettivi silogismi 3 quei che ti fanno in basso batter l'ali! Chi dietro a jura e chi ad amforismi sen giva, e chi seguendo sacerdozio, 6 e chi regnar per forza o per sofismi, e chi rubare e chi civil negozio, chi nel diletto de la carne involto 9 s'affaticava e chi si dava a l'ozio, quando, da tutte queste cose sciolto, con Bëatrice m'era suso in cielo 12 cotanto gloriosamente accolto. Poi che ciascuno fu tornato ne lo punto del cerchio in che avanti s'era, 15 fermossi, come a candellier candelo.

2104 E io senti' dentro a quella lumera che pria m'avea parlato, sorridendo 18 incominciar, faccendosi più mera: “ Così com'io del suo raggio resplendo, sì, riguardando ne la luce etterna, 21 li tuoi pensieri onde cagioni apprendo. Tu dubbi, e hai voler che si ricerna in sì aperta e 'n sì distesa lingua 24 lo dicer mio, ch'al suo sentir si sterna, ove dinanzi dissi: “ U' ben s'impingua “, e là u' dissi: “ Non nacque il secondo “; 27 e qui è uopo che ben si distingua.

2105 La provedenza, che governa il mondo con quel consiglio nel quale ogne aspetto 30 creato è vinto pria che vada al fondo, però che andasse ver' lo suo diletto la sposa di colui ch'ad alte grida 33 disposò lei col sangue benedetto, in sé sicura e anche a lui più fida due principi ordinò in suo favore, 36 che quinci e quindi le fosser per guida. L'un fu tutto serafico in ardore; l'altro per sapienza in terra fue 39 di cherubica luce uno splendore. De l'un dirò, però che d'amendue si dice l'un pregiando, qual ch'om prende, 42 perch'ad un fine fur l'opere sue.

2106 Intra Tupino e l'acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo, 45 fertile costa d'alto monte pende, onde Perugia sente freddo e caldo da Porta Sole; e di rietro le piange 48 per grave giogo Nocera con Gualdo. Di questa costa, là dov'ella frange più sua rattezza, nacque al mondo un sole, 51 come fa questo talvolta di Gange. Però chi d'esso loco fa parole non dica Aseesi, ché direbbe corto. 54 ma Orïente, se proprio dir vuole.

2107 Non era ancor molto lontan da l'orto, ch'el cominciò a far sentir la terra 57 de la sua gran virtute alcun conforto; ché per tal donna, giovinetto, in guerra del padre corse, a cui, come a la morte, 60 la porta del piacer nessun diserra; e dinanzi a la sua spirital corte et coram patre le si fece unito; 63 poscia di dì in dì l'amò più forte. Questa, privata del primo marito, millecent'anni e più dispetta e scura 66 fino a costui si stette sanza invito; né valse udir che la trovò sicura con Amiclate, al suon de la sua voce, 69 colui ch'a tutto 'l mondo fé paura; né valse esser costante né feroce, sì che, dove Maria rimase giuso, 72 ella con Cristo pianse in su la croce. Ma perch'io non proceda troppo chiuso, Francesco e Povertà per questi amanti 75 prendi oramai nel mio parlar diffuso.

2108 La lor concordia e i lor lieti sembianti, amore e maraviglia e dolce sguardo 78 facieno esser cagion di pensier santi; tanto che 'l venerabile Bernardo si scalzò prima, e dietro a tanta pace 81 corse e, correndo, li parve esser tardo.

2109 Oh ignota ricchezza! oh ben ferace! Scalzasi Egidio, scalzasi Silvestro 84 dietro a lo sposo, sì la sposa piace. Indi sen va quel padre e quel maestro con la sua donna e con quella famiglia 87 che già legava l'umile capestro. Né gli gravò viltà di cuor le ciglia per esser fi' di Pietro Bernardone, 90 né per parer dispetto a maraviglia; ma regalmente sua dura intenzione ad Innocenzio aperse, e da lui ebbe 93 primo sigillo a sua religione. Poi che la gente poverella crebbe dietro a costui, la cui mirabil vita 96 meglio in gloria del ciel si canterebbe, di seconda corona redimita fu per Onorio da l'Etterno Spiro 99 la santa voglia d'esto archimandrita.

2110 E poi che, per la sete del martiro, ne la presenza del Soldan superba 102 predicò Cristo e li altri che 'l seguiro, e per trovare a conversione acerba troppo la gente e per non stare indarno, 105 redissi al frutto de l'italica erba, nel crudo sasso intra Tevero e Arno da Cristo prese l'ultimo sigillo, 108 che le sue membra due anni portarno.

2111 Quando a colui ch'a tanto ben sortillo piacque di trarlo suso a la mercede 111 ch'el meritò nel suo farsi pusillo, a' frati suoi, sì com'a giuste rede, raccomandò la donna sua più cara, 114 e comandò che l'amassero a fede; e del suo grembo l'anima preclara mover si volle, tornando al suo regno, 117 e al suo corpo non volle altra bara.

2112 Pensa oramai qual fu colui che degno collega fu a mantener la barca 120 di Pietro in alto mar per dritto segno; e questo fu il nostro patrïarca per che qual segue lui, com'el comanda, 123 discerner puoi che buona merce carca. Ma 'l suo pecuglio di nova vivanda è fatto ghiotto, sì ch'esser non puote 126 che per diversi salti non si spanda; e quanto le sue pecore remote e vagabunde più da esso vanno, 129 più tornano a l'ovil di latte vòte. Ben son di quelle che temono 'l danno e stringonsi al pastor; ma son sì poche 132 che le cappe fornisce poco panno. Or, se le mie parole non son fioche, se la tua audienza è stata attenta 135 se ciò ch'è detto a la mente revoche, in parte fia la tua voglia contenta, perché vedrai la pianta onde si scheggia 138 e vedra' il corrègger che argomenta “ U' ben s'impingua, se non si vaneggia “.